Apr 032011
 

Questo POST nasce come commento al recente articolo scritto per IISFA e pubblicato sulla newsletter. Parliamo di “copia” della “copia” ovvero della cosidetta copia di “backup” delle evidenze vitale  nel caso in cui il supporto su cui è contenuta la nostra copia per le analisi si guasti.

A corredo vi  è anche il commento del caro amico l’Avvocato Antonino Attanasio che, codice “alla mano”, precisa che al termine della Consulenza/Perizia il tutto deve essere consegnato e il superfluo distrutto.

Qualunque sia la decisione sulla destinazione delle copie, ho voluto focalizzare la mia attenzione sugli strumenti per farle. Alla fine è solo una copia ma quello che conta è che il “backup” sia consistente ovvero sia uguale all’originale.

Fino a qualche anno fa parlavamo di GB, ora parliamo di TB. Questi dati, per questioni di semplicità, vengono copiati solitamente via “CIFS” su sistemi “NAS” (la cui velocità dipende dalle meccaniche). Quindi, a meno che non abbiate a disposizione una rete da 10Gb con un NAS da un centinaio di meccaniche direi che la soluzione più veloce è usare il NAS solo come appoggio (“parcheggiate” li le evidenze in attesa di elaborazione).

“Ma che software usare?”

Non entro nel merito in questo post ma deve fare quello che mi aspetto che faccia: una copia consistente ovvero uguale alla sorgente.

“E’ possibile che durante una copia via rete si corrompa qualcosa?”

Si, è possibile in quanto mi è capitata spesso e solo da poco ho capito il motivo: lo SWITCH da 1Gb andava in surriscaldamento dopo 40 minuti di copia.

“Copie su nastro?”

E’ un’alternativa lenta ma da tenere in considerazione. Le capienze dei nastri con LTO5 arrivano oltre 1TB (non considerate la compressione) con costi per i nasti accettabili. I dati possono essere scritti in forma CRIPTATA (cosa da non sottovalutare) e si fa carico il programma di BACKUP di verificare la consistenza dei dati scritti. Il tutto poi viene gestito attraverso un “DataBase” ed è quindi tutto molto più semplice quando devo recuperare qualcosa.

Naturalmente tutto a discapito di:

  • Costo del Lettore (eccessivo).
  • Velocità del processo (parliamo di molte ore).
  • Dubbio: copia semplice o doppia copia?

Le soluzioni ci sono e sono diverse ma…  qualcuno si è mai posto tale problema?

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>